Abruzzo. Quando a Rocca S. Giovanni (Vallevò) venne ritrovata “Moby Dick”

La mattina del 16 agosto 1960 Ettore Verì e Cesare Annecchini si trovarono davanti uno spettacolo incredibile.

Il mare era calmo, senza vento e il sole splendeva in cielo. I due amici uscirono in mare per una battuta di pesca e ben presto si accorsero di “una grande macchia scura, un’ombra che si faceva sempre più nitida” che, arrivata in superficie, si definì in una grande balena lunga quasi venti metri e pesante oltre settanta quintali.

La storia racconta che le parole furono “Laggiù soffia! Laggiù soffia! La gobba come una montagna di neve! È Moby Dick!”. Il corpo della balena fu trasferito a Vasto in località Punta Aderci dove è tuttora seppellito.

Ti è piaciuto questo articolo?

Metti mi piace sulla nostra pagina Facebook Viaggiando Abruzzo per essere sempre aggiornato sui migliori contenuti da condividere e commentare con i tuoi amici
We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Viaggiando Italia | Luoghi da visitare, Eventi, Idee di Viaggio, Roma, Venezia, Salento, Case Vacanza
Viaggiando Italia | Luoghi da visitare, Eventi, Idee di Viaggio, Roma, Venezia, Salento, Case Vacanza