Firenze. Il Giardino Bardini e la Meravigliosa vista sul Centro Storico e sull’Arno

Il giardino Bardini è uno straordinario belvedere su Firenze: 4 ettari di parco tra la riva sinistra dell’Arno, la collina di Montecuccoli e le mura medievali. In origine era un sistema di orti murati verso Palazzo Mozzi e sulla collina retrostante.

Nel Settecento Giulio Mozzi, appassionato di giardini, arricchisce la proprietà con un lungo muro fontana con fondali a mosaico polimaterico.

A metà Ottocento il giardino barocco viene ampliato con l’acquisizione del confinante giardino anglo-cinese di Villa Manadora, creato da Luigi Le Blanc a inizio Ottocento. Nella seconda metà del secolo i principi Carolath Benten acquistano tutta la proprietà e arricchiscono il giardino di dettagli vittoriani.

Nel 1913 l’antiquario Stefano Bardini acquista il complesso composto da Palazzo Mozzi, dal giardino barocco, dal giardino anglo-cinese con una porzione rimasta agricola, e dalla villa Manadora.

Bardini agisce spregiudicatamente: costruisce un viale per salire in macchina dall’Arno sino alla villa, distruggendo i giardini murati di origine medievale, e riunifica i due edifici esistenti sulla costa San Giorgio. Passato al figlio Ugo, con la sua morte nel 1965 inizia la lunga vicenda dell’eredità, conclusa solo nel 1996.

Nel 2000 l’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, attraverso la Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron, inizia il restauro del complesso, durato quasi cinque anni, per restituire al giardino identità, ricchezza compositiva e vegetale.

Nel parco agricolo, dove sono stati piantati alberi da frutto della tradizione toscana, si trova un rondò-belvedere dal quale si percorre un tunnel di glicini e si ammirano ben 60 varietà di ortensie. La scalinata barocca è la parte più scenografica del giardino con il Belvedere sulla città e le sei fontane con fondali a mosaico polimaterico.

Lungo la scalinata sono state piantate rose bourboniane e iris rifiorenti; nella parte più bassa si visita un giardino con bordi di erbacee e graminacee e il teatro verde ricavato in una conca. Nel bosco all’inglese, che faceva parte del giardino anglo-cinese, si trova il prato delle azalee, con felci, viburni, camelie e una collezione di agrumi.

Da via de’ Bardi il percorso si snoda in salita verso la villa e consente di ammirare sia il giardino sia i monumenti di Firenze.

Raggiunto l’edificio si esce nella Costa San Giorgio ed in pochi minuti si arriva al Giardino di Boboli e si può ridiscendere verso la città, percorrendo complessivamente circa 7 km nel verde. E’ possibile prenotare un servizio personale, a prezzo convenzionato, con navetta da 7, 16 o 28 posti, che collega i 2 Grandi Giardini Italiani di Villa Bardini e Villa Peyron.

Come arrivare

In auto
Da Piazza Francesco Ferrucci seguire il percorso Viale Michelangelo, Via dei Bastioni, Via di Belvedere, Costa San Giorgio. Presso il Forte di Belvedere è presente un parcheggio gratuito riservato ai partecipanti agli eventi di Villa Bardini.In treno
Collegamenti con Ferrovie dello Stato e Italo Treno, fermata Firenze Santa Maria Novella. Proseguire a piedi per 15 minuti circa, in taxi o in autobus.In aereo
Dall’Aeroporto Internazionale Amerigo Vespucci di Firenze con l’autobus navetta “vola in bus” fino alla Stazione di Santa Maria Novella.

In autobus
Dalla Stazione di Santa Maria Novella: Linea 23 (fermata Lungarno Torrigiani, Piazza dei Mozzi) o Bus elettrico D (fermata Torrigiani)

A piedi
Dalla stazione di Santa Maria Novella si raggiunge in circa 15 minuti

Segui e metti mi piace
0

Fatal error: Call to undefined function the_ad_group() in /web/htdocs/www.viaggiando-italia.it/home/wp-content/themes/rehub/single.php on line 78