Quantcast
1 giornoA piediAlberi monumentaliAree faunisticheBoschiCosa visitareCosa visitare in Lazio?In autoIn biciclettaItaliaItinerariLaghi e fiumiViaggiando Italia

Dove ammirare il Foliage d’Autunno in Lazio? Ecco 21 luoghi che ti consigliamo di visitare

Sei alla ricerca di luoghi in Lazio dove ammirare e godere delle atmosfere “calde” e romantiche del foliage in Autunno. Ecco una selezione di alcuni luoghi in Lazio dove, all’inizio dell’autunno, la natura si “cambia di vestito” regalando colori incredibili con tonalità che vanno dal rosso al marrone, dal giallo all’arancione.

Ecco alcuni luoghi che ti consigliamo di visitare durante il periodo del foliage in Lazio.

  1. Valico di Forca d’Acero tra Lazio e Abruzzo: Forca d’Acero è un valico stradale appenninico posto a 1.538 m s.l.m. sull’Appennino centrale lungo lo spartiacque appenninico primario tra Abruzzo e Lazio, tra la provincia dell’Aquila e quella di Frosinone, attraversato dalla Strada statale 509 di Forca d’Acero e segnavia del limitare del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Collega i comuni di Opi e San Donato Val di Comino. (Scopri di più)
  2. La Faggeta di Monte Cimino in provincia di Viterbo: Il Monte Cimino, con la sua stupenda e maestosa faggeta, è la meta ideale per chi ama la natura e la tranquillità, ma anche per chi vuole dedicarsi a lunghe escursioni o alle semplici passeggiate a piedi, a cavallo o in mountain bike. (Scopri di più)
  3. *La Faggeta del Monte Livata: Il Monte Livata è una montagna di media altitudine (1,429 m s.l.m.) appartenente alla catena dei monti Simbruini, nel Lazio, in provincia di Roma, all’interno del territorio del comune di Subiaco, al confine con i territori dei comuni di Camerata Nuova, Cervara di Roma, Jenne e Vallepietra. Ospita un comprensorio sciistico, articolato su più zone, tra i più importanti del Lazio. La montagna è caratterizzata dalla presenza di animali da pascolo, quali molti bufali, mucche e cavalli. (Scopri di più)
  4. Faggeta maestosa di Fontana di Canale, Monti Aurunci, montagne affacciate sul Golfo di Gaeta: Da Fontana di Canale (m. 1283) a Monte S. Angelo (m. 1404) e Monte Petrella (m. 1533), scendendo per la faggeta fino a Fossa Juanna (m. 1317) e ritorno alla sorgente. Circuito in alta montagna, attorno al massiccio calcareo del Petrella, la vetta più alta degli Aurunci. E’ un itinerario breve e poco faticoso. Eccezionale il paesaggio: stupenda terrazza tra mare e monti. Per il ritorno alla sorgente di Canale si attraversa prima una fitta faggeta, poi Fossa Juanna, la dolina più suggestiva degli Aurunci. (Scopri di più)
  5. Faggeta maestosa di Monte Faggeto, Monti Aurunci, montagne affacciate sul Golfo di Gaeta: Il monte Faggeto è un rilievo situato tra i comuni di Itri e di Campodimele in provincia di Latina, e quello di Esperia in provincia di Frosinone, nel Lazio, all’interno del territorio del parco naturale dei Monti Aurunci. (Scopri di più)
  6. Bosco di Manziana è un vasto spazio verde dominato da alberi di cerro, aceri, castagni, betulle e molte altre specie vegetali. Si estende per 580 ettari nella zona di Roma Nord, a soli 5 km dalla graziosa cittadina di Bracciano e 2 km dal centro abitato di Manziana. L’area boschiva oggi visibile, è ciò che rimane di una distesa anticamente più ampia, che raggiungeva i monti Sabatini e Cimini: La Silva Mantiana (Scopri di più)
  7. Monte Terminillo in provincia di Rieti: Il Terminillo (2217 m s.l.m.) è un massiccio montuoso dell’Italia centrale che fa parte del gruppo montuoso appenninico dei Monti Reatini, posto nel Lazio a circa 32 km da Rieti e amministrativamente ricadente in diversi comuni del Reatino, tra cui lo stesso capoluogo provinciale (da cui dista circa 30 km), Cantalice, Leonessa, Micigliano, Poggio Bustone, Antrodoco, Cittaducale, Rivodutri e Posta. (Scopri di più)
  8. Parco Regionale della Valle del Treja con scenari multicolore: Il parco regionale Valle del Treja è un’area naturale protetta del Lazio, istituita con legge regionale nel 1982, compresa nei territori del comune di Calcata in provincia di Viterbo e Mazzano Romano in provincia di Roma. Ha una superficie di 628 ettari. (Scopri di più)
  9. Valle del Vezza con la vista dal borgo medievale di Vitorchiano: Appartenente al bacino idrografico del Tevere e situata grosso modo fra Bomarzo e Vitorchiano, la Valle del Vezza appare come una lunga frattura, formatasi in seguito all’erosione della piana creata dalle eruzioni del vulcano cimino. Enormi massi di peperino punteggiano il paesaggio, che per il resto alterna prati, noccioleti e querceti. Straordinarie le valenze archeologiche (Scopri di più)
  10. Vedute del Monte Autore nei Monti Simbruini con foreste di faggi e aceri: Il monte Autore è la terza montagna per altezza dei monti Simbruini, con i suoi 1.854,8 m s.l.m., situata nel Lazio, nel territorio della Città metropolitana di Roma Capitale, di cui costituisce la vetta più elevata. Si trova nel territorio dei comuni di Camerata Nuova e Vallepietra, all’estremo limite est della provincia di Roma, al confine con l’Abruzzo. (Scopri di più)
  11. Parco di San Liberato vicino il lago di Bracciano: San Liberato è un vero e proprio parco botanico che racchiude specie provenienti da tutto il mondo, aceri canadesi, ciliegi giapponesi, liquidambar e parrotie persiche convivono con canfore, liriodendri tulipifera, nysse che contribuiscono in autunno ad accendere di colori brillanti l’intera Tenuta. Una parte del giardino è dedicata alle piante acidofile; vi si possono ammirare camelie in collezione, rododendri, profumate Choysia ternata e bambù neri. San Liberato è anche un roseto o meglio, una galleria infinita di rose dalle mille tonalità dii colore, interrotta e ripresa da una fontana in pietra, culla e giaciglio di ninfee e di verdi ranocchie. (Scopri di più)
  12. Pian della Faggeta a Carpineto Romano: Il Pian della Faggeta è l’anticamera dei monti Lepini. Gli escursionisti vi lasciano l’auto per avviarsi sui sentieri che salgono alle panoramiche cime della Semprevisa, dell’Erdigheta e del Capreo. Gli speleologi si rivestono delle tute, si armano di fari, corde e ferraglia, e vanno a infilarsi in una delle duecento grotte nei dintorni. I botanici e i naturalisti, muniti di fotocamere, vanno alla scoperta delle orchidee che fioriscono nella prateria. Ma il pianoro è anche un quartiere in quota dei paesi vicini. Villette, rustici, case di legno, baracche, recinti ospitano gli appassionati del weekend (Scopri di più)
  13. Selva di Malano vicino a Bomarzo: La Selva di Malano si trova nell’area boschiva tra i comuni di Soriano nel Cimino e Bomarzo, nella provincia di Viterbo. Quest’area racchiude al suo interno numerosi siti di nota rilevanza storica in quanto risalenti a circa 5000 anni fa. Tra i vari siti da visitare, troviamo i Sassi del Predicatore: si tradda di antichi altari, forse risalenti all’epoca etrusco-romana, sui quali avvenivano cerimonie sacerdotali e forse anche sacrifici agli dei. L’intera zona è veramente interessante in quanto nasconde, tra anfratti e aree boschive, molti massi scolpiti con incisioni. (Scopri di più)
  14. Parco Marturanum a Barbano Romano: Nel paesaggio inconfondibile del Lazio etrusco, il Parco comprende un insieme di forre scavate da torrenti nei pianeggianti tavolati di tufo e colli argillosi a boschi e pascoli. Istituito nel 1984, ricade interamente nel Comune di Barbarano Romano in un’area collinare tra i monti della Tolfa e i rilievi che circondano il lago di Vico. Grazie alla scarsa antropizzazione e alla morfologia dei luoghi è una zona in parte selvaggia, ed è emozionante scoprire le tracce del passaggio degli animali o esplorare ambienti solitari ammantati da una vegetazione lussureggiante (Scopri di più)
  15. Lago di Paola a Sabaudia: Il lago di Paola (detto anche “laguna di Sabaudia” o “lago di Sabaudia”) è un lago salmastro costiero, della provincia di Latina, nel Lazio. La vegetazione che caratterizza le rive è la tipica macchia mediterranea, resistente al tipo di terreno e alla forte salinità delle sue acque. La fauna è composta da: tassi, volpi, ma soprattutto da uccelli che si fermano a svernare proprio sulle sue acque (Scopri di più)
  16. Foreste nelle vicinanze del borgo di Fogliano: Fogliano, sul lago omonimo, è in provincia di Latina (Lazio), 80 chilometri circa a sud di Roma, nel territorio comunale del capoluogo. Il Lago di Fogliano è incluso nel Parco Nazionale del Circeo ed è il più grande dei quattro (Monaci, Caprolace, Paola) con i suoi 400 ettari di superficie. Si trova all’interno di un area di particolare pregio costituita dai resti dell’ antica macchia di Cisterna con caratteri originari di flora e acquitrini, un complesso di immobili (la Villa, il Casino Inglese, la chiesetta di S.Andrea), il villaggio dei pescatori, un giardino-orto botanico impiantato alla fine dell’Ottocento dalla famiglia Caetani, che possedeva Fogliano (Scopri di più)
  17. Parchi cittadini di Roma / Villa Borghese: Villa Borghese è un grande parco cittadino nella città di Roma che comprende sistemazioni a verde di diverso tipo, dal giardino all’italiana alle ampie aree di stile inglese, edifici, piccoli fabbricati, fontane e laghetti. È il quarto più grande parco pubblico a Roma (circa 80 ettari), dopo la parte pubblica del Parco regionale dell’Appia antica, villa Doria Pamphilj e villa Ada e si estende in gran parte sul quartiere Pinciano e in piccola parte sul rione Campo Marzio, divisi dalle Mura aureliane (Scopri di più)
  18. Luoghi di Roma / Lungotevere: il lungotevere è un viale alberato che corre lungo il fiume Tevere a Roma, costruito demolendo gli edifici preesistenti sulla riva del fiume stesso, i cui argini sono stati contenuti dalla costruzione di muri di sponda, chiamati muraglioni (Scopri di più)
  19. Parchi cittadini di Roma / Parco degli Acquedotti: Il parco degli Acquedotti è un parco cittadino di Roma, situato nel Municipio VII, esteso circa 240 ettari e facente parte del Parco regionale dell’Appia antica. (Scopri di più)
  20. Parchi cittadini di Roma / Villa Ada: Villa Ada è il quarto più grande parco pubblico di Roma dopo il Parco regionale dell’Appia antica, il Parco regionale del Pineto e Villa Doria Pamphilj. Ospita numerosi edifici neoclassici, tra i quali la villa reale. È collocato nella zona settentrionale della città, a nord-ovest della via Salaria, nel quartiere Parioli (Scopri di più)

Foto di Valiphotos da Pixabay. Iscriviti al gruppo Viaggiando Italia (gruppo ufficiale) per vedere altre foto e per inviare le tue.

Iscriviti al gruppo Viaggiando Lazio (gruppo ufficiale) per vedere altre foto e per inviare le tue.

Condividi con i tuoi amici:
Booking.com
Scopri come pubblicare un ARTICOLO che parla della tua attività, oppure come pubblicare un TUO EVENTO
Inoltre, se ti va, puoi supportare il lavoro della redazione di Viaggiando Italia, aiutaci a promuovere il territorio! Dai il tuo supporto

Ti è piaciuto questo articolo?

Metti mi piace sulla nostra pagina Facebook Viaggiando Lazio per essere sempre aggiornato sui migliori contenuti da condividere e commentare con i tuoi amici

Partecipa anche tu! Iscriviti al gruppo Viaggiando Lazio (gruppo ufficiale)

One Comment

  1. Tutte bellissime e magiche le vostre proposte!! unico problema: avrei bisogno di sapere se le diverse destinazioni sono accessibili in sedia a rotelle. Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button