Emilia Romagna. Bologna, conosci il Canale delle Moline, originario dell’anno 1100?

La città di Bologna non aveva abbastanza acqua. Per questo motivo, alla fine del 1100, gli ingegnerei bolognesi realizzarono due geniali opere idrauliche. Si costruirono, quindi, due canali sotterranei fino al centro città della lunghezza di circa 27 chilometri in totale utilizzando le acqua del fiume Reno e Savena.

In questo modo, i bolognesi portarono acqua in tutta la città e, grazie all’energia idraulica, alimentarono centinaia di pale per il funzionamento di mulini per la produzione della seta, della farina e altro.

Un’opera attualmente visitabile

In particolare, il Canale dell Moline, poco dopo le mura trecentesche, confluisce nel canale del torrente Aposa. Per gran parte del suo tracciato, il Canale delle Moline scorre tra stretti canali tra le case. Solo recentemente sono stati aperti gli affacci sui ponti di via Oberdan e Malcontenti che ti permetteranno di godere del caratteristico affaccio sulla via Piella.

Foto di Manuela Mariani sul gruppo Viaggiando Italia (gruppo ufficiale)

 

Partecipa anche tu! Iscrivi al gruppo Viaggiando Italia (gruppo ufficiale)

Ti è piaciuto questo articolo?

Metti mi piace sulla nostra pagina Facebook Viaggiando Italia per essere sempre aggiornato sui migliori contenuti da condividere e commentare con i tuoi amici
Promuovi il tuo evento
Viaggiando Italia | Luoghi da visitare, Eventi, Idee di Viaggio, Roma, Venezia, Salento, Case Vacanza
Viaggiando Italia | Luoghi da visitare, Eventi, Idee di Viaggio, Roma, Venezia, Salento, Case Vacanza