cosa fareCosa visitare in Abruzzo?Cucina e Cibi d'ItaliaItaliaPiatti tipiciPrimiRicette

Gli Spaghetti alla Trappitara, un gustoso primo piatto della tradizione contadina abruzzese

Gli spaghetti alla trappitara sono un primo piatto della tradizione contadina abruzzese. Perché si chiamano “alla Trappitara”?. Il termine “Trappitara” deriva dal termine abruzzese “trappete” che è il nome in dialetto con cui chiamare il frantoio. Infatti, questi spaghetti venivano cucinati nel frantoio e offerti in pasto ai contadini nell’attesa del proprio turno per il conferimento e la spremitura delle olive che avevano con loro.

La storia gastronomica ci ha donato un piatto che è un chiaro elogio all’olio di oliva abruzzese che è l’ingrediente principale utilizzato per la realizzazione degli spaghetti alla trappitara. La gente di paese in Abruzzo è unanime nel dire che, per la buona riuscita della ricetta, sia necessario usare l’olio di oliva senza parsimonia e che la pasta deve letteralmente cuocere nell’olio.

Nella fotografia, la versione della pasta alla trappitara realizzata dal rinomato ristorante Taverna 58 in corso Manthonè a Pescara che, per l’occasione, ha usato la Makaira, uno spaghetto d’orzo, in sostituzione degli spaghetti con l’aggiunta di un battuto di erbette fresche, olive e olio nuovo. Pochi ingredienti, ma di qualità, una lavorazione semplice ma un piatto davvero dal gusto spettacolare.

Roberto De Ficis

(piatto degustato durante il press tour organizzato dalla Camera di Commercio di Chieti e Pescara in collaborazione con Abruzzo Travelling)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button