Quantcast
1 giorno2 giorniA piediBorghiChiese e SantuariCosa visitareCosa visitare in Lazio?In autoItaliaItinerariSiti archeologiciTuscaniaViaggiando ItaliaVideo

Hai già visitato Tuscania? Cosa vedere e cosa mangiare nel Gioiello della Tuscia

Visitare Tuscania significa immergersi in uno dei paesaggi più belli della Tuscia (ovvero dell’antica Etruria meridionale). 

Infatti, quello che potrai ammirare affacciandoti dalle mura medievali del borgo è un paesaggio di campagna pressoché intatto da secoli anche grazie al fatto che è quasi interamente tutelato come riserva naturale

Un luogo tra i più caratteristici da visitare durante una giornata a Tuscania è sicuramente piazza Bastianini, in cui potrai ammirare la Fontana Grande (del Seicento) e il Duomo. A poca distanza e appena fuori dalle cinta muraria da visitare anche le due splendide Basiliche di S. Maria Maggiore e S. Pietro.

Tuscania e il suo importante passato

Per partire dalla conoscenza del suo passato, si deve visitare il Museo nazionale tuscanese che raccoglie sarcofagi in nenfro e fittili (in terracotta caratteristici di Tuscania) e corredi funerari ritrovati nelle tombe delle più importanti famiglie di Tuscania, tra il IV e il II secolo a.C. 

Alla fine dell’Ottocento era abitudine usare i sarcofagi ritrovati nei sepolcri come arredi urbani, per questo non c’è da stupirsi di trovarli anche nella centralissima piazza Basile, sede del Palazzo comunale, ma anche in chiese ed edifici storici.

Cosa vedere a Tuscania

Architetture religiose
  • Santa Maria della Rosa in Tuscania nel 1932
  • Chiesa romanica di San Pietro
  • Chiesa romanica di Santa Maria Maggiore
  • Chiesa di Santa Maria della Rosa, importante esempio di architettura romanico-gotica, costruita tra il XIII e XIV secolo, con una facciata abbellita da un portale centrale con colonnine tortili, e da un bel rosone.
  • Duomo di Tuscania: Concattedrale di San Giacomo Maggiore, insigne Basilica di aspetto settecentesco con facciata cinquecentesca.
  • Abbazia di San Giusto a Tuscania
  • Chiesa di Santa Maria del Riposo
  • Chiesa di San Marco
  • Chiesa di San Silvestro
  • Chiesa di San Francesco (Cappella Sparapane)
  • Chiesa di San Giuseppe
  • Chiesa di San Giovanni Decollato
  • Chiesa dei Santi Martiri (San Lorenzo)
  • Chiesa del Sacro Cuore di Gesù
  • Chiesa di Nostra Signora di Lourdes
Architetture civili
  • Castello del Rivellino, ex-Palazzo del Podestà
  • Mura di Tuscania
  • Porta di San Marco o Montascide
  • Torre di Lavello
  • Palazzo Tozzi-Spagnoli, palazzo signorile con tipico profferlo viterbese
  • Palazzo Baronale
  • Porta di Poggio Fiorentino
  • Palazzo Donnini, detto anche Vescovado, residenza nobiliare e poi sede del vescovo della diocesi di Viterbo e Tuscania
  • Palazzo Pocci
  • Palazzo Consalvi-Brunacci
  • Palazzo Giannotti
  • Palazzo Quaglia, già Tartaglia e poi Bruschi-Falgari
  • Fontana delle sette cannelle detta anche del Butinale.
  • Fontana di Poggio o San Giacomo, in piazza Bastianini o del Duomo
  • Fontana di Montascide, in piazza Mazzini o San Marco
  • Fontana del Belvedere o del Cardinale
Architetture militari
  • Castello del Rivellino (Ruderi)
Siti archeologici

Nella campagna tuscanese sono disseminate numerose necropoli risalenti all’età etrusca. Nelle necropoli sono presenti principalmente sepolcri di tipo rupestre con banchine (VIII – VI secolo a.C.), o con sarcofagi per la deposizione dei corpi (V – II secolo a.C.).

Aree naturali
  • Riserva naturale di Tuscania di circa 2000 ettari, istituita nel 1997 dalla regione Lazio
  • Parco Torre di Lavello
  • Parco Umberto II
  • Giardino pubblico (Viale Trieste)

Cosa mangiare a Tuscania?

Data la sua ubicazione, tra campi coltivati estesi tra il mare e il territorio del Lago di Bolsena, Tuscania offre una grande varietà di prodotti tipici come formaggi, in prevalenza pecorini, olio extravergine di oliva, salumi vari, carne maremmana, dolci e, da qualche anno, anche una produzione vitivinicola di qualità.

Foto di Stefano Iorio da Pixabay. Iscriviti al gruppo Viaggiando Italia (gruppo ufficiale) per vedere altre foto e per inviare le tue.

Condividi con i tuoi amici:
Scopri come pubblicare un ARTICOLO che parla della tua attività, oppure come pubblicare un TUO EVENTO
Inotre, se ti va, puoi supportare il lavoro della redazione di Viaggiando Italia, aiutaci a promuovere il territorio! Dai il tuo supporto

Ti è piaciuto questo articolo?

Metti mi piace sulla nostra pagina Facebook Viaggiando Italia per essere sempre aggiornato sui migliori contenuti da condividere e commentare con i tuoi amici

Partecipa anche tu! Iscriviti al gruppo Viaggiando Italia (gruppo ufficiale)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button