AlberobelloBorghiCosa visitareFotoItaliaPugliaVideo

Puglia. Siete mai stati ad Alberobello, il paese famoso per i Trulli patrimonio Unesco?

Alberobello è una piccola città e comune della città metropolitana di Bari, Puglia, Italia meridionale. Ha 10.735 abitanti ed è famosa per i suoi edifici a trullo unici al mondo. Dal 1996 i trulli di Alberobello sono stati designati come patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Una prima occupazione della zona iniziò solo all’inizio del XVI secolo su impulso del conte di Conversano Andrea Matteo III Acquaviva d’Aragona. Ciò permise a una quarantina di famiglie contadine di Noci di stabilirsi qui e coltivare la terra, con l’obbligo di dargli il decimo dei raccolti.

Nel 1635 il suo successore, il conte Giangirolamo II (1600-1665) fece erigere una locanda con una taverna e un oratorio e iniziò l’urbanizzazione della zona con la costruzione di alcune piccole case. L’espansione dell’area urbana fu aiutata dall’abbondanza di calcare, carsico e sedimentario calcareo e dal permesso del conte di costruire case solo con muri a secco senza l’uso di malta, che sarebbero diventati i peculiari trulli. L’obbligo di costruire case con pietre a secco era un espediente del conte per evitare di pagare le tasse al viceré spagnolo del Regno di Napoli. Il centro di Alberobello fu edificato per le strade dell’antico fiume Cana, dove si trova ora il largo Giuseppe Martelotta.

Alberobello rimase feudo dell’Acquaviva d’Aragona fino al 27 maggio 1797, quando il re Ferdinando IV di Borbone elevò il piccolo villaggio alla città reale, liberandolo dalla servitù feudale dei conti. Il 22 giugno 1797 fu eletto il primo sindaco Francesco Giuseppe Lippolis. Alberobello è l’unico centro abitato con un intero distretto di trulli. È quindi considerata la capitale culturale dei trulli della Valle d’Itria.

I trulli di Alberobello

La storia dei trulli è legata alla Prammatica De Baronibus, un editto del Regno di Napoli del XV secolo che sottoponeva ogni nuovo insediamento a un tributo. Nel 1481 i Conti di Conversano D’Acquaviva D’Aragona dal 1481, proprietari del territorio di Alberobello, imposero quindi agli abitanti di costruire le loro abitazioni asciutte, senza usare malte, in modo che potessero essere configurate come edifici precari e facilmente demolite. Dovendo usare solo pietre, i contadini hanno trovato nella forma rotonda con tetto a cupola autoportante la configurazione più semplice. I tetti sono stati abbelliti con pinnacoli decorativi che rappresentano la firma dell’architetto (maestro trullaro).

Foto di cy125it da Pixabay. Iscriviti anche tu al gruppo Viaggiando Italia (gruppo ufficiale) per vedere altre foto e per inviare le tue.

Ti potrebbe interessare leggere anche:

Condividi l'articolo con i tuoi amici

È importante: supporta le attività della redazione di Viaggiando Italia, aiutaci a promuovere il territorio! Dai il tuo supporto

Tags

Ti è piaciuto questo articolo?

Metti mi piace sulla nostra pagina Facebook Viaggiando Italia per essere sempre aggiornato sui migliori contenuti da condividere e commentare con i tuoi amici

Partecipa anche tu! Iscriviti al gruppo Viaggiando Italia (gruppo ufficiale)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close