Italia

Prodotti Tipici. Brodetto di Pesce alla Vastese, in connubio tra Mare e Terra

Si racconta che ad inventarlo sia stata nel 1800 la moglie di un pescatore che viveva in località Trave.

Per arricchire il pasto che cucinava quotidianamente, una volta la massaia aggiunse al pesce i prodotti dell’orto: pomodoro, prezzemolo e qualche spicchio d’aglio.

E’ uno dei piatti più semplici e più gustosi della cucina marinara locale, fatto con ingredienti poveri e genuini.


Per il brodetto alla vastese, “lu vrudatte” come viene chiamato in dialetto oltre al tegame di terracotta, “tijelle” di coccio», importanti sono l’olio delle colline vastesi e il peperoncino piccante.

Quanto al pesce, secondo la tradizione deve essere fresco, pescato fra Ortona e Vasto e di almeno cinque-sei varietà. Razze, triglie, seppioline, noce, testone, cucinati con aglio, peperone e pomodoro fresco a pezzetti (preferenza ai gustosi pomodori vastesi di mezza stagione, i “mezzotempo” ma vanno bene anche gli altri tipi di pomodori prodotti nella zona).

La preparazione, nonostante sia un piatto semplice, è molto accurata.

Le varietà vanno messe nel tegame, una alla volta, a seconda della resistenza, in modo che cuociano insieme in venti minuti. Perché il risultato sia eccellente, il pesce non va girato, sono necessari dei movimenti orizzontali e rotatori del tegame per mescolare e condire tutto.

Condividi l'articolo con i tuoi amici

Ti è piaciuto questo articolo?

Metti mi piace sulla nostra pagina Facebook Viaggiando Italia per essere sempre aggiornato sui migliori contenuti da condividere e commentare con i tuoi amici
Partecipa anche tu! Iscriviti al gruppo Viaggiando Italia (gruppo ufficiale)
Tags

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button